Electronic Waste: collected more than 12.5 tons with smart containers

At Ecomondo, closes the first phase of testing WEEE Identis promoted by Hera, Ecolight and Ecolum. Exhibition releases the names of virtuous citizens who win the benefit during five months, concludes the first experimental phase of WEEE Identis project. During the 17th edition of Ecomondo (Rimini Fiera, from 6 to November 9, 2013) were communicated the names of the most virtuous citizens who have received the largest number of WEEE in ‘intelligent’ containers. To them comes a spending voucher to use in one of the biggest supermarkets in the area who have joined the initiative.

Over 12 tons of electronic waste

Now you go to Spagna Identis WEEE (Identification Determination Traceability Integrated System for WEEE), project co-funded by the European Union under the Life programme, will continue its experimental phase up to and including 2014 landing in Spain, in February with the arrival in Zaragoza of intelligent housing prototype. The goal is to double the e-waste collection, tracing the refusal conferred without operators.

Developed by multi-utility Hera (project leader), from Ecolight-Consortium for the management of WEEE, batteries and accumulators – and the Spanish Foundation Ecolum, WEEE Identis saw the design and construction of four prototypes of containers, which were placed in a test area of Emilia-Romagna, territories served by the success of Hera.

The success of smart containers

Complessivamente, bins are over 3,300 people in Bologna, Castenaso Lugo, Ravenna, Ferrara and Rimini have used containers from may 2013, throwing almost 12.5 tons of electronic waste and batteries. For the most part, it was small appliances, computers and telephones (81%). Good collection of portable batteries that has reached 1,360 kg (11% of the total).Through the 36 boxes (RAEEpoint), smaller and placed in some quarters) of Bologna (district Navile), Castenaso, Ravenna and Lugo were harvested almost 7 tons of electronic waste and batteries. The most careful was Moscow, with an average of 250 kg of waste delivered for each dumpster located on its territory.In the vicinity of large commercial areas of Bologna, Ferrara, Ravenna and Rimini have been positioned, rotated, the three RAEEparking, RAEEshop and other types of smart, larger bins. The involvement of leading brands of large retailers has resulted in the collection of nearly 5.5 tons of waste, with the only RAEEparking who managed to intercept more than 3 tons. In Rimini, the trial is still ongoing: until 22 November, in the external area to IKEA, you can use the RAEEparking and a RAEEshop.

Tiziano Mazzoni, Environment Director of Hera

 ”Collecting data of this first experimental phase confirms the right direction undertaken by the project” Tiziano Mazzoni of Hera. “Confirm especially Hera’s commitment to innovation and research applied to garbage collection. In addition to WEEE, Identis numerous experiments that the company is developing throughout the territory served, many of which, such as WEEE, Identis point on traceability of deliveries, an authentic element of innovation and service to citizens “.

Giancarlo Dezio, General Manager of Ecolight

“We thank the citizens, municipalities and large companies who have joined the project by participating in the testing of prototypes. Increase the collection of WEEE in order to ensure their proper management is today a necessity: in Italy the collection of electronic waste is now attested around 4 kg per inhabitant, a figure far too low, not only when compared with data from other European countries, but also in relation to the fact that the WEEE management system is able to intercept only a quarter. Three out of four electronic waste are not authorized channels of disposal and recovery “.

Here’s virtuous citizens awarded to Ecomondo

Legati to the initiative, there were also rewards for citizens who have brought more electronic waste to trash bins. At Ecomondo were communicated most virtuous names, including a citizen of Bologna with 48 kg of WEEE brought to the dumpsters, and residents of Bologna, Ferrara, Casalecchio and Castel Maggiore. The accolades are good to use at the grocery brand large retailers who participated in the trial, including IKEA, Leroy Merlin and Mediaworld.

Electronic waste recovery: fights illegal exports

Electronic waste is increasing throughout the world, given the speed with which technology refreshes. The risk, in addition to the release into the environment of hazardous materials for health and the planet, is the spread of illegal disposal practices. Those contained in the WEEE are valuable raw materials that can be reused in production cycles. According to recent data of the Unep (United Nations Environment), in the world producing 50 million tons of electronic waste a year and only 10% of those being recycled. In the Eu alone, despite strong legislation, it is estimated that as much as 75% of e-waste in Europe (8 million tonnes per year), is fraudulently exported to developing countries such as China or African countries, where the legislation is milder and the focus on health and the environment less sharp. Projects like that of Weee Identis (whose official designation is project LIFE “WEEE IDENTIS” LIFE10 ENV/IT/393) allows the traceability of the entire lifetime of these devices in order to prevent the dispersion into the environment and monitor the proper disposal.

Ecomondo cierra sus puertas dando a conocer la primera fase de la prueba piloto Identis WEEE, promovida por Hera, Ecolight y Ecolum.

Durante esta XVII edición de Ecomondo (Rimini Fiera, del 6 al 09 de noviembre de 2013) fueron comunicados los nombres de los ciudadanos que más RAEE habían gestionado por medio de estos contenedores “inteligentes”, los cuales recibirán un vale para poderlo canjear en uno de los supermercados que se han unido a la iniciativa. Este proyecto que está cofinanciado por la Unión Europea está en España en su fase experimental, llegándoles a Zaragoza en febrero del 2014 otro contenedor. Durante la primera fase del proyecto en Italia han sido 3. 300 personas las que han utilizado ya nuestro contenedor, depositando un total de 12.5 toneladas de RAEEs.

En su mayor parte, se han recogido perqueños electrodomésticos, ordenadores y teléfonos (81%). destacan también las cantidades de residuo generado como baterías que han llegado a los 1.360 Kg (un 11% del total de los residuos recogidos).

Tiziano Mazzoni, Director de medio ambiente de Hera comenta: “los datos obtenidos en esta primera fase experimental confirman la correcta dirección que está llevando este proyecto”.  dirección correcta, llevado a cabo por el proyecto”. Giancarlo Dezio, CEO de Ecolight explica “Agradecemos a los ciudadanos, los municipios y las grandes empresas que se han sumado al proyecto su participación en esta prueba piloto. Aumentar la recogida de RAEE y asegurar su correcta gestión es hoy una necesidad: en Italia la gestión de los RAEE está alrededor de 4 kg por habitante, una cifra muy baja, no sólo en comparación con los datos de otros países europeos, sino también en relación con el hecho de que los SIG o Sistemas Integrados de Gestión sólo son capaces de interceptar sólo una cuarta parte. Tres de cada cuatro aparatos no son recogidos por los canales autorizados para su correcta gestión”.

Según los últimos datos del PNUMA (programa de naciones Unidas para el medio ambiente), en el mundo se generan 50 millones de toneladas de basura electrónica al año y sólo el 10% de lo que se recoge es reciclado.  En la Unión Europea, a pesar de la fuerte legislación, se estima que el 75% de los desechos electrónicos en Europa (8 millones de toneladas por año), se exporta a países en desarrollo como China o los países africanos, donde la legislación es más leve y el enfoque en la salud y el medio ambiente menos agudo. Proyectos como el de Identis Weee (cuya denominación oficial es proyecto vida “IDENTIS WEEE” LIFE10 ENV/es/393) permite la trazabilidad de toda la vida útil de estos dispositivos para prevenir la dispersión de sus residuos en el medio ambiente y controlar su adecuada eliminación.

In occasione di Ecomondo, si chiude la prima fase della sperimentazione di Identis WEEE promossa da Hera, Ecolight ed Ecolum. Comunicati in fiera i nomi dei cittadini virtuosi che si aggiudicano i benefit

Dopo cinque mesi, si conclude la prima fase di sperimentazione del progetto Identis WEEE. E durante la 17esima edizione di Ecomondo (Rimini Fiera, dal 6 al 9 novembre 2013) sono stati comunicati i nominativi dei cittadini più virtuosi che hanno conferito il maggior numero di RAEE nei cassonetti “intelligenti”. A loro viene consegnato un buono spesa da usare in uno dei maggiori supermercati della zona che hanno aderito all’iniziativa.

Oltre 12 tonnellate di rifiuti elettronici. E ora si va in Spagna

Identis WEEE (Identification DEterminatioN Traceability Integrated System for WEEE), progetto cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Life+, proseguirà la sua fase sperimentale fino a tutto il 2014 sbarcando anche in Spagna, a febbraio con l’arrivo a Saragozza del prototipo di cassonetto intelligente. L’obiettivo è raddoppiare la raccolta dei rifiuti elettronici, tracciando il rifiuto conferito senza necessità di operatori. Sviluppato dalla multiutility Hera (capo progetto), da Ecolight – consorzio per la gestione di RAEE, pile e accumulatori – e dalla fondazione spagnola Ecolum, Identis WEEE ha visto la progettazione e la realizzazione di quattro prototipi di contenitori, che sono stati collocati in un’area test dell’Emilia-Romagna, territori serviti dal Gruppo Hera.

Il successo dei cassonetti smart

Complessivamente, sono oltre 3.300 utenti che a Bologna, Castenaso, Ravenna, Lugo, Ferrara e Rimini hanno utilizzato i cassonetti da maggio 2013, gettando quasi 12,5 tonnellate di rifiuti elettronici e di pile. Per la maggior parte, si è trattato di piccoli elettrodomestici, computer e apparecchi telefonici (81%). Buona anche la raccolta delle pile portatili che ha raggiunto i 1.360 kg (l’11% del totale).
Attraverso i 36 cassonetti stradali (RAEEpoint), quelli più piccoli e collocati in alcuni quartieri) di Bologna (quartiere Navile), Castenaso, Ravenna e Lugo sono state raccolte quasi 7 tonnellate di rifiuti elettronici e pile. Il comune più attento è stato Castenaso, con una media di 250 kg di rifiuti conferiti per ogni cassonetto posizionato sul suo territorio.
In prossimità di grandi spazi commerciali di Bologna, Ferrara, Ravenna e Rimini sono stati posizionati, a rotazione, i tre RAEEshop e il RAEEparking, gli altri tipi di cassonetti smart, più grandi. Il coinvolgimento di importanti marchi della grande distribuzione ha portato alla raccolta di quasi 5,5 tonnellate di rifiuti, con il solo RAEEparking che è riuscito ad intercettarne oltre 3 tonnellate. A Rimini la sperimentazione è ancora in corso: fino al 22 novembre, nell’area esterna ad IKEA Rimini, si possono utilizzare il RAEEparking e un RAEEshop.

Tiziano Mazzoni, Direttore Ambiente di Hera

“I dati di raccolta di questa prima fase sperimentale confermano la giusta direzione intrapresa dal progetto” spiega Tiziano Mazzoni di Hera. “Confermano soprattutto l’impegno di Hera sul fronte dell’innovazione e della ricerca applicata alla raccolta rifiuti. Oltre a Identis WEEE, sono infatti numerose le sperimentazioni che l’azienda sta sviluppando su tutto il territorio servito, molte delle quali, come Identis WEEE, puntano sulla tracciabilità dei conferimenti, autentico elemento di innovazione e servizio ai cittadini”.


Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight

“Ringraziamo i cittadini, i Comuni e le società della grande distribuzione che hanno aderito al progetto partecipando alla sperimentazione dei prototipi. Incrementare la raccolta dei RAEE per assicurare una loro gestione corretta è oggi una necessità: in Italia la raccolta dei rifiuti elettronici si è ormai attestata intorno ai 4 kg per abitante, un dato ancora troppo basso, non solo se confrontato con i dati di altri Paesi europei, ma anche in relazione al fatto che il sistema di gestione dei RAEE riesce ad intercettarne solamente un quarto. Tre rifiuti elettronici su quattro non seguono i canali autorizzati di smaltimento e recupero”.

Ecco i cittadini virtuosi premiati a Ecomondo

Legati all’iniziativa, sono stati previsti anche dei riconoscimenti per cittadini che hanno portato più rifiuti elettronici ai cassonetti. A Ecomondo sono stati comunicati i nomi dei più virtuosi, tra cui un cittadino di Bologna con 48 kg di RAEE portati ai cassonetti intelligenti, e residenti di Bologna, Ferrara, Casalecchio e Castel Maggiore. I riconoscimenti sono dei buoni spesa da usare presso i brand della grande distribuzione che hanno partecipato alla sperimentazione, tra cui IKEA, Leroy Merlin e Mediaworld.

Il recupero dei rifiuti elettronici: fa bene all’ambiente e combatte l’export illegale

La cosiddetta e-waste, la spazzatura elettronica, è in aumento in tutto il mondo, vista la rapidità con cui la tecnologia si aggiorna. Il rischio, oltre all’immissione nell’ambiente di materiali pericolosi per la salute e per il pianeta, è il diffondersi di pratiche di smaltimento illegale. Quelle contenute nei RAEE, infatti, sono materie prime preziose che possono essere riutilizzate nei cicli produttivi. Secondo dati recenti dell’Unep (il programma per l’ambiente dell’Onu), nel mondo si producono 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici all’anno e solo il 10% di questi viene riciclato. Nella sola Ue, nonostante una legislazione avanzata, si stima che ben il 75% dei rifiuti elettronici europei (8 milioni di tonnellate l’anno), sia esportato illegalmente verso i paesi in via di sviluppo come la Cina o nazioni africane, dove la normativa è più blanda e l’attenzione per l’ambiente e la salute meno forte. Progetti come quello di Identis Weee (la cui dicitura ufficiale è PROGETTO LIFE+ “IDENTIS WEEE” LIFE10 ENV/IT/393) permettono la tracciabilità dell’intero ciclo di vita di queste apparecchiature, proprio per impedirne la dispersione nell’ambiente e monitorarne il corretto smaltimento.

In occasione di Ecomondo, si chiude la prima fase della sperimentazione di Identis WEEE promossa da Hera, Ecolight ed Ecolum. Comunicati in fiera i nomi dei cittadini virtuosi che si aggiudicano i benefit

Dopo cinque mesi, si conclude la prima fase di sperimentazione del progetto Identis WEEE. E durante la 17esima edizione di Ecomondo (Rimini Fiera, dal 6 al 9 novembre 2013) sono stati comunicati i nominativi dei cittadini più virtuosi che hanno conferito il maggior numero di RAEE nei cassonetti “intelligenti”. A loro viene consegnato un buono spesa da usare in uno dei maggiori supermercati della zona che hanno aderito all’iniziativa.

Oltre 12 tonnellate di rifiuti elettronici. E ora si va in Spagna

Identis WEEE (Identification DEterminatioN Traceability Integrated System for WEEE), progetto cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Life+, proseguirà la sua fase sperimentale fino a tutto il 2014 sbarcando anche in Spagna, a febbraio con l’arrivo a Saragozza del prototipo di cassonetto intelligente. L’obiettivo è raddoppiare la raccolta dei rifiuti elettronici, tracciando il rifiuto conferito senza necessità di operatori. Sviluppato dalla multiutility Hera (capo progetto), da Ecolight – consorzio per la gestione di RAEE, pile e accumulatori – e dalla fondazione spagnola Ecolum, Identis WEEE ha visto la progettazione e la realizzazione di quattro prototipi di contenitori, che sono stati collocati in un’area test dell’Emilia-Romagna, territori serviti dal Gruppo Hera.

Il successo dei cassonetti smart

Complessivamente, sono oltre 3.300 utenti che a Bologna, Castenaso, Ravenna, Lugo, Ferrara e Rimini hanno utilizzato i cassonetti da maggio 2013, gettando quasi 12,5 tonnellate di rifiuti elettronici e di pile. Per la maggior parte, si è trattato di piccoli elettrodomestici, computer e apparecchi telefonici (81%). Buona anche la raccolta delle pile portatili che ha raggiunto i 1.360 kg (l’11% del totale).
Attraverso i 36 cassonetti stradali (RAEEpoint), quelli più piccoli e collocati in alcuni quartieri) di Bologna (quartiere Navile), Castenaso, Ravenna e Lugo sono state raccolte quasi 7 tonnellate di rifiuti elettronici e pile. Il comune più attento è stato Castenaso, con una media di 250 kg di rifiuti conferiti per ogni cassonetto posizionato sul suo territorio.
In prossimità di grandi spazi commerciali di Bologna, Ferrara, Ravenna e Rimini sono stati posizionati, a rotazione, i tre RAEEshop e il RAEEparking, gli altri tipi di cassonetti smart, più grandi. Il coinvolgimento di importanti marchi della grande distribuzione ha portato alla raccolta di quasi 5,5 tonnellate di rifiuti, con il solo RAEEparking che è riuscito ad intercettarne oltre 3 tonnellate. A Rimini la sperimentazione è ancora in corso: fino al 22 novembre, nell’area esterna ad IKEA Rimini, si possono utilizzare il RAEEparking e un RAEEshop.

Tiziano Mazzoni, Direttore Ambiente di Hera

“I dati di raccolta di questa prima fase sperimentale confermano la giusta direzione intrapresa dal progetto” spiega Tiziano Mazzoni di Hera. “Confermano soprattutto l’impegno di Hera sul fronte dell’innovazione e della ricerca applicata alla raccolta rifiuti. Oltre a Identis WEEE, sono infatti numerose le sperimentazioni che l’azienda sta sviluppando su tutto il territorio servito, molte delle quali, come Identis WEEE, puntano sulla tracciabilità dei conferimenti, autentico elemento di innovazione e servizio ai cittadini”.


Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight

“Ringraziamo i cittadini, i Comuni e le società della grande distribuzione che hanno aderito al progetto partecipando alla sperimentazione dei prototipi. Incrementare la raccolta dei RAEE per assicurare una loro gestione corretta è oggi una necessità: in Italia la raccolta dei rifiuti elettronici si è ormai attestata intorno ai 4 kg per abitante, un dato ancora troppo basso, non solo se confrontato con i dati di altri Paesi europei, ma anche in relazione al fatto che il sistema di gestione dei RAEE riesce ad intercettarne solamente un quarto. Tre rifiuti elettronici su quattro non seguono i canali autorizzati di smaltimento e recupero”.

Ecco i cittadini virtuosi premiati a Ecomondo

Legati all’iniziativa, sono stati previsti anche dei riconoscimenti per cittadini che hanno portato più rifiuti elettronici ai cassonetti. A Ecomondo sono stati comunicati i nomi dei più virtuosi, tra cui un cittadino di Bologna con 48 kg di RAEE portati ai cassonetti intelligenti, e residenti di Bologna, Ferrara, Casalecchio e Castel Maggiore. I riconoscimenti sono dei buoni spesa da usare presso i brand della grande distribuzione che hanno partecipato alla sperimentazione, tra cui IKEA, Leroy Merlin e Mediaworld.

Il recupero dei rifiuti elettronici: fa bene all’ambiente e combatte l’export illegale

La cosiddetta e-waste, la spazzatura elettronica, è in aumento in tutto il mondo, vista la rapidità con cui la tecnologia si aggiorna. Il rischio, oltre all’immissione nell’ambiente di materiali pericolosi per la salute e per il pianeta, è il diffondersi di pratiche di smaltimento illegale. Quelle contenute nei RAEE, infatti, sono materie prime preziose che possono essere riutilizzate nei cicli produttivi. Secondo dati recenti dell’Unep (il programma per l’ambiente dell’Onu), nel mondo si producono 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici all’anno e solo il 10% di questi viene riciclato. Nella sola Ue, nonostante una legislazione avanzata, si stima che ben il 75% dei rifiuti elettronici europei (8 milioni di tonnellate l’anno), sia esportato illegalmente verso i paesi in via di sviluppo come la Cina o nazioni africane, dove la normativa è più blanda e l’attenzione per l’ambiente e la salute meno forte. Progetti come quello di Identis Weee (la cui dicitura ufficiale è PROGETTO LIFE+ “IDENTIS WEEE” LIFE10 ENV/IT/393) permettono la tracciabilità dell’intero ciclo di vita di queste apparecchiature, proprio per impedirne la dispersione nell’ambiente e monitorarne il corretto smaltimento.

Leave a Reply